ARCHIVIO NEWS

Sabato 23 giugno alla Tenuta Colombara di Livorno Ferraris è stato presentato il libro di Cele Bellardone e Dino Boffa, edito da Effedì, “Storia di un Libro”, una storia di amicizia vissuta con Gianni Berengo Gardin e con i Rondolino da cui è nata una vera e propria opera fotografica.

Mostra fotografica Acquerello
Mostra fotografica allestita sui bancali in risaia

Un libro che è un esperimento unico nel suo genere, l’avventura di due fotografi -gli autori- che fotografano un altro fotografo -Berengo Gardin- mentre, a sua volta, scatta le foto per un volume infine uscito con il titolo de “Il racconto del riso” (Contrasto 2013). Un'opera complessa e stratificata, capace di esprimere in un intenso bianco e nero le vibrazioni dell'amicizia, i rimandi dello sguardo, i mille riflessi della vita e dei luoghi di risaia. Mai nella storia della fotografia era stato dedicato un intero reportage al lavoro di un fotografo.


I Fotografi Cele Bellardone e Dino Boffa fotografi del libro 
'Storia di un Libro' con Gianni Berengo Gardin

Omaggio di due allievi a un Maestro, innanzitutto; ma anche omaggio ad una terra che non smette mai di stupire con le sue infinite prospettive e la passione di chi la coltiva.

La famiglia Rondolino, che da sempre promuove arte e cultura del territorio, ha reso omaggio a Vercelli in questa giornata intitolata TEMPO – Territorio Emozioni Musica Persone Opere dedicata alla scoperta del tempo della fotografia, della musica e della storia. 

Suggestiva ed emozionante la presentazione delle fotografie tratte dall’opera, realizzata interamente in risaia. Bancali di Riso Acquerello, pronti per essere spediti in oltre 50 Paesi del mondo, utilizzati per l’occasione come supporto per le foto di backstage di Bellardone e Boffa e, specularmente, l’originale di Berengo Gardin.

Risaia allagata, mostra su bancali di riso acquerello
Mostra fotografica allestita sui bancali in risaia, ripresa aerea

Un’idea di Anna Rondolino, curatrice del libro, volta ad indicare Acquerello come sostegno di cultura, non solo concettuale ma questa volta anche “concreto”.

Dopo il TEMPO della fotografia, la giornata si è conclusa con il TEMPO della musica: accompagnati dall'attore Giovanni Mongiano, che ha interpretato G.B. Viotti, Guido Rimonda e tutta la Camerata Ducale di Vercelli hanno eseguito per gli ospiti un concerto con le più celebri musiche del compositore piemontese. Durante quest'occasione un'inaspettata rivelazione, le note del Tema e variazioni in DO maggiore suonavano come la Marsigliese, l'inno nazionale francese. Se volete riguardare tutto il concerto trovate il video qui: concerto

Violinista al dormitorio delle mondine della Tenuta Colombara
Giulia Rimonda al dormitorio delle mondine

Giovanni Mongiano, Viotti
L'attore Giovanni Mongiano durante il concerto
della Camerata Ducale

Guido Raimonda, Camerata Ducale
Il concerto della Camerata Ducale nella stalla della Colombara
con Guido Rimonda