ARCHIVIO NEWS

Grandi cuochi dall’Italia e dal mondo a Milano per l’Acquerello Risotto World Summit, l’evento che celebra uno dei più famosi piatti della cucina italiana nel quale si esaltano allo stesso tempo tradizione e creatività.

Organizzata da Itchefs-GVCI, in collaborazione con l’associazione CHIC, la Milano FINAL Challenge si terrà venerdì 19 ottobre dalle h 17:30, nella cornice della seicentesca e prestigiosa dimora storica Villa Torretta, immersa nel verde del Parco Nord e a pochi minuti dal centro di Milano.

sconosciuto.gif

L’iniziativa, che si inserisce nel calendario di Milano Golosa organizzata dal Gastronauta Davide Paolini, ha come sponsor principale il riso di qualità Acquerello e come supporter Ferrarelle, Grana Padano e Terre del Sole.

A Milano arriveranno i cuochi vincitori delle challenge tenutesi durante l’anno a Hong Kong (Eyck Zimmer), New York (Olivia Bonomi Todorov) e Mosca (Bruno Marino) che si sfideranno con sette rinomati chef italiani dell’associazione Chic: Fabio Baldassarre (ristorante Unico – Milano), Andrea Gabin (La Mondina – Marudo, Lodi), Sergio Vineis (Il Patio – Pollone, Biella), Athos Migliari (Locanda La Chiocciola – Portomaggiore, Ferrara), Carmine Calò (Il Salviatino – Firenze) e Paolo Trippini (Trippini – Civitella del Lago, Terni).

Una sfida simbolica, ma non per questo meno appassionante. “L’obiettivo è esaltare un piatto e una tecnica di preparazione italianissimi, ma che ormai fanno parte del patrimonio della gastronomia globale”, dice Rosario Scarpato, che ha ideato l’evento nell’ambito dell’annuale Italian Cuisine and Wines World Summit la cui quarta edizione si terrà a Hong Kong dall’1 al 10 novembre prossimi.

Due giurie, una tecnica e una della blogosfera, determineranno i vincitori di questo contest. Presidente per entrambe le giurie Davide Paolini, giornalista, critico e conduttore radiofonico, conosciuto anche come Gastronauta. Della giuria faranno parte, tra gli altri, anche Francesca D'Orazio (scrittrice, insegnante di cucina e consulente gastronomica), Tano Simonato (Chef Patron Tano passami l’Olio - Milano), Claudio Sacco (fondatore e direttore di Viaggiatore Gourmet – Altissimo Ceto), Alex Guzzi (giornalista del Corriere della Sera, gastronomo e sommelier), e Fabiano Guatteri (enogastronomo, scrittore, critico della ristorazione e giornalista).

Prima della competizione, i cuochi partecipanti, insieme ai componenti della giuria daranno vita a un dibattito su RISOTTO ITALIANO: TRADIZIONE O INNOVAZIONE NEL MONDO?

A chiudere la serata ci sarà un Grande Risotto d'Autore, firmato dallo Chef Chef Marco Sacco del ristorante bistellato Michelin Piccolo Lago di Verbania, e presidente dell'associazione Chic.

PROGRAMMA:

ORE 17.30 ACCREDITO

Ore 17:45 DIBATTITO CALDO

RISOTTO ITALIANO: TRADIZIONE O INNOVAZIONE NEL MONDO?

Un dibattito con l’intervento di cuochi, giornalisti, food bloggers ed esperti.

Ore 18.15 LA SFIDA

RISOTTO WORLD FINAL CHALLENGE

10 Cuochi dall' Italia e dal Mondo si sfidano all’ultimo Risotto. Una giuria di esperti e una popolare decreterà i vincitori

Ore 18.30 NEL MONDO

COLLEGAMENTO CON RISTORANTI DEL MONDO

Aderenti al circuito Risotto World Summit – itchefs-GVCI

PRESENTAZIONE UFFICIALE DELL’ITALIAN CUISINE
AND WINES WORLD SUMMIT – HONG KONG 1-10 NOVEMBRE

CLUB AMICI DEL RISOTTO

RISOTTO FRIENDLY WINES (AND BEERS)

Una rassegna guidata dei vini e delle birre che si sposano meglio ai risotti in gara (e non solo)

ore 20.45 A TAVOLA!

GRANDE RISOTTATA D’AUTORE

Risotti per grandi numeri, una leadership italiana. Risotto Master Chef: Marco Sacco

STORIA DEL RISOTTO WORLD CONTEST

La prima challenge del Risotto World Summit di Hong Kong si è svolta durante l'Italian Cuisine and Wine World Summit del novembre 2011. Il Risotto Contest si è tenuto presso la rinomata Towngas Cooking Centre, sotto la direzione di Margaret Fu, dove si sono susseguite dimostrazioni culinarie e degustazioni a cura del Risotto Guest Master Pietro Rongoni da Mosca. Il primo premio del contest è andato a allo chef tedesco Eyck Zimmer, del Ristorante Derby di Hong Kong, mentre lo chef Claudio Dieli del Ristorante Jockey Club di Hong Kong si è aggiudicato il secondo posto.

Il risotto come piatto tipico italiano, è stato tra i protagonisti al Summit ́s Official Opening Gala Dinner e all' Hong Kong Wine and Spirits Fair Gala Dinner.

A gennaio 2012, in occasione del lancio degli eventi IDIC Risotto World Summit si è spostato a New York, dove 12 talentuosi finalisti hanno preso parte alla competition che si è realizzata presso l'International Culinary Center – Italian Studies di Manhattan.

La giuria, composta dagli Chef Pietro Zito, Ivan Beacco, Matteo Scibilia e Marcello Russodivito e dal Sommelier Luca Gardini, ha assegnato il primo premio ad Olivia Bonomi Todorov.

Sempre a gennaio, e sempre in occasione delle giornate IDIC di Mosca, si è tenuta un altro Risotto Challenge presso il ristorante Aromi. La giuria formata da Francesca D'Orazio Buonerba (Italia), Silvia Bernardini (Messico), dallo chef Tano Simonato (Italia) e da Rosario Scarpato (Direttore IDIC 2012), ha assegnato il primo premio allo chef Bruno Marino.

La scelta di Milano come sede della Final Chalenge del Risotto World Summit non è casuale. Milano, per i gourmand della cucina italiana è associata tradizionalmente al Risotto, oltre a rappresentare, in Italia, il centro delle evoluzioni e movimento in uno scenario enogastronomico internazionale.

Il leitmotiv del Risotto World Summit è proprio quello di preservare una tradizione italiana, di la preparazione e cottura del risotto, premiando l'interpretazione creativa e l'innovazione associate al piatto.

Il Risotto World Summit porta, da quest'anno, anche la firma di Acquerello, portando la loro esperienza di produttori e di qualità, in tutto il mondo.