I RONDOLINO

Nel 1935 Cesare Rondolino sceglie di continuare a fare l’agricoltore, anzi il risicoltore, e quindi acquista il Torrone della Colombara, famoso per i terreni fertili e ricchi d’acqua, per questo particolarmente adatti alla coltivazione del riso.

Nel 1972 gli si affianca il figlio Piero continuando la tipica agricoltura estensiva, dove venivano coltivate le varietà più produttive adatte alle industrie di trasformazione.

Nel 1992 Piero sceglie di iniziare la produzione di Acquerello, per costruire un rapporto diretto con il consumatore finale.

Dal 2000 Piero e il figlio Rinaldo, per ottenere la massima purezza, seminano solo una varietà di riso: il Carnaroli. Danno anche inizio alla loro collaborazione con Slow Food, che sceglie il Torrone della Colombara come sede didattica dell’Università di Scienze Gastronomiche.

Oggi contribuiscono alla crescita di Acquerello anche Umberto e Anna, fratelli di Rinaldo, che si occupano dell’immagine, mentre Maria Nava, moglie di Piero, segue la parte commerciale.

famiglia

@Gianni Berengo Gardin

Piero-e-MN

Piero e Maria Nava Rondolino

Se continui ad utilizzare questo sito acconsentirai l'utilizzo dei cookie.

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close